STEVE WYNN ITALIA

Steve Wynn Italian Fansite

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Diary 2011-03-21 - Leaving Austin and heading west

2011-03-21 - Leaving Austin and heading west

    

3

Sto dicendo che ho suonato 14 show negli ultimi 3 giorni al South By Southwest festival and convention ad Austin,  in Texas. Dico, chi ha il tempo di contarli? Tu semplicemente suoni e suoni, continui a muoverti, afferri qualche fajitas e una birra lungo la strada e conserve una buona speranza che arriverai dall’altra parte. Ci sarà molto tempo per contare quando la cosa sarà finita. Kenny Rogers sarebbe d’accordo. E allora potrebbe offrirvi del pollo che, certamente, potreste dover rifiutare data la qualità dei volatili che avete la possibilità di ottenere in Texas. E a questo proposito, perché loro chiamano pollo una bistecca fritta che con il pollo non ha niente a che vedere? Okay, so la risposta a questa domanda. Mi sento come se porre la domanda fosse un esercizio retorico.

Ad ogni modo, non  ha senso indovinare. Lasciamoci immergere e scoprire quanti show ho suonato qui fino ad adesso. Prometto che il riconteggio non sarà in tempo reale.

1) MERCOLEDI’, MEZZANOTTE-THE BASEBALL PROJECT AL NUVOLA. Essendo arrivati solo qualche ora prima, ci siamo tuffati direttamente nell’acqua più profonda. Centro di Austin, alla fine del primo dei giorni di picco della follia. Lo show fu presentato al Primavera festival in Spagna e ci scrollammo la polvere accumulate nel viaggio fra New Orleans ed Austin, The show was presented by the Primavera festival in Spain and we shook off the dust accumulated on the drive from New Orleans to Austin, collegate le pedaliere partimmo. La cosa divertente del SXSW è che puoi vedere più amici di quelli che potresti trovare nel concerto nella tua città natale.  Non voglio nemmeno provare ad elencarli. È sufficiente dire, è stato come in uno di quei sogni strani. A parte il fatto che non eravamo nudi. Per quello che posso ricordare.

42) GIOVEDI’, 2PM-THE MINUS 5/BASEBALL PROJECT AL THREADGILL. Questo fa parte del Roky Erikson's Ice Cream Social. Mi suona bene. Non sapevo che Rocky fosse così appassionato di gelato ma io sono sempre felice di dare il mio supporto alla golosità di qualcuno. E sono stato designato chitarrista dei Minus five per questa settimana così ho avuto l’opportunità di suonare quattro belle canzoni di Scott prima che il battersta dei M5 Ezra desse modo di mettere assieme i vostri acronimi,  kids-M3/BBP batterista Linda. Abbiamo spaccato, abbiamo fatto i bagagli e ci siamo mossi perché il seguente era….

3 and 4) GIOVEDI’, 5PM-THE BASEBALL PROJECT AND STEVE WYNN & THE MIRACLE 3 AL JOVITA'S. il primo dei nostri quattro concerti doppi. Io ed i Miracle 3 abbiamo suonato all’accogliente ristorante messicano e bar Jovita's qualche volta in passato ed è sempre stato importante per il SXSW. Facilmente il concerto più bollente del festival. Sono sorpreso che la mia camicia non si sia trasformata in sudore evaporando poi in aria. Okay, non è accaduto. Non sono mai stato bravo in fisica. Ho mangiato una torta di pollo molto buona. Con questo programma prendi nutrimento dove puoi. E’ stato il primo concerto dove i BBP sono stati raggiunti dal nostro amico Josh Kantor alle tastiere. Il lavoro usuale di Josh? È suonatore di rogano al Fenway Park. In alter parole, l’uomo perfetto per il lavoro..

5) GIOVEDI’, 8PM-BBP AL DOG AND DUCK. Pochi istanti primi di andare sul palco mi hanno ditto che Alex Chilton era morto un anno prima a quell’ora. Avrebbe dovuto suonare con I Big Star all’evento dello scorso anno. E’ ancora incredibilmente triste ripensarci.  Abbiamo aperto con “1976" un brano ispirato dalla musica dei Big Star e che riflette il concetto solenne degli eroi che muoiono prima del loro tempo lasciando un ritratto eterno della loro gioventù leggendaria. Ha predisposto la situazione ad un forte, divertente, sciolto ed emozionante set che è stato seguito da Ian MacLagan e la sua band. Avreste dovuto vedere noi cinque, guardare come fan impalati l’uomo che ha suonato così tanti dischi fantastici, mostrare che difficilmente perde il passo. Ha suonato anche "Cindy, Incidentally," uno delle mie canzoni preferite dei Faces. Lo show era il giorno di San Patrizio ed eravamo opportunamente alimentati di Shepherd's Pie (pasticcio di carne ricoperto di pure) e Fish and Chips. Oh, e Guinness e Jameson. Dopo tutto era il nostro ultimo concerto. Per quel giorno, ad ogni modo.

66) VENERDI’, 12:30pm-SWM3 AL MELLOW JOHNNY'S BIKE SHOP. Sì, un negozio di biciclette. Un vero negozio di biciclette con Lance Armstrong fra i proprietari. Siamo stati là per suonare un set di 30 minuti per la radio KEXP di Seattle. Dico Seattle ma KEXP è in realtà una stazione del mondo-una delle migliori stazioni radio in giro, ascoltata su internet da gente di ogni paese. Hanno sempre supportato la mia musica ed io sono stato contento di aver l’opportunità di incontrarli e suonare qualche brano.  Abbiamo trovato il nostro ritmo in questo show, dando il nostro meglio per raggiungere attraverso I microfoni, attraverso il collegamento via cavo, attraverso le miglia la casa e le orecchie di ciascuna persona con amore e ferocia. Penso che ci siamo riusciti.  E siamo andati via con borse della spesa da bici per ciascun membro della band.  Amo questi vantaggi del  SXSW!

7 and 8) VENERDI’, 5pm-BBP eSWM3 AL GINGERMAN PUB. Che incredibile giorno di musica e noi eravamo schiacciati proprio in mezzo,  la carne in scatola per una raffinata selezione musicale di pane e condimenti sonori. Terminerò fermerò la metafora proprio lì. Potrebbe andare male. Ma abbiamo avuto la fortuna di ascoltare un pò di bella musica da Richard Barone (dei  Bongos) così come dai Fleshtones che mi hanno fatto suonare un brano mentre I membri della band Keith, Peter and Ken si sono chinati a fare flessioni. Se li avete visti, sapete di cosa sto parlando. Altrimenti, cosa aspettate? E siamo stati seguiti da un set da far uscir di testa di Mike Watt che ha ridotto le nostre menti in minuscoli pezzetti. Da non credere. Fisicamente e mentalmente agili, sono, il magico ibrido di rock, progressive e punk. E le nostre due band? Abbiamo colto l’occasione e l’amichevole competizione. Peter si è unito ai M3 (adesso M4!) per una tintinnante, tremolante versione di "Tell Me When It's Over" ed il momento di silenzio alla fine di  "The Days of Wine and Roses" allungata più del solito, è stato forse l’unico momento tranquillo ad Austin questa settimana. Scott e Jason sono restate al club per le seguenti tre o Quattro ore mentre io, Linda, Josh e Dave andavamo alla ricerca di  barbecue ma invece abbiamo trovato cibo indiano e  Klezmer music. Peter ha dormito un pò. Ragazzo intelligente.

9 and 10) SABATO, 1am-BBP e SWM3 AL MOMO'S. 13 ore dopo il nostro primo spettacolo del giorno. I North Mississippi All Stars hanno appena finito il loro set quando abbiamo regolato I nostri amplificatori verso il pubblico e siamo stati pronti per il doppio concerto di dopo-mezzanotte che era trasmesso in diretta sulla stazione radio KUT. Sicuramente eravamo tutti un pò stanchi, forse un pò pieni, magari anche un pò con il ronzio alle orecchie, come sempre, abbiamo girato gli elementi in nostro favore, I BBP hanno suonato in modo pieno di vita, onesto e rilassato e poi io ed i M3 abbiamo suonato una versione molto più elastica e psichedelica della nostra musica lanciandoci in epiche jam su "Halloween" e "John Coltrane Stereo Blues".  So che queste jam free jazz non sono per tutti ma so anche che tendono ad essere le mie preferite, quelle che quando lascio il palco mi fanno pensare “uomo, abbiamo fatto qualcosa di veramente eccezionale stasera”. Sono quei tipi di set dove sento cosa si sarebbe potuto provare a suonare al Fillmore West nel 1969, una delle mie prime fantasie in stile Walter Mitty. Siamo poi tornati tutti ai rispettivi letti attorno alle 4 di mattina con non molto tempo prima della nuova sveglia.

11, 12 and 13) SABATO, MEZZOGIORNO...M5, BBP E SWM3 AL STEVE WYNN'S SPRING TRAINING PARTY AL YARD DOG....l’inizio delle nostre tre band è stato in realtà ritardato alle 4pm ma io ho avuto l’onore di selezioanre le band per questo evento e volevo vedere lo show completo. Non posso nemmeno cominciare a dettagliare tutti I momenti migliori e magici delle band che ci hanno preceduto ma posso solo elencare le band e dirvi che ognuna è stata meravigliosa, ispiratrice e sbalorditiva: Calibro 35, The Slummers (con Dan Stuart e JD Foster), Mark Eitzel, Autumn Defense, Eleventh Dream Day, Casey Neil e Jon Langford. Ho trascorso tutto il giorno nel parcheggio del Yard Dog sotto il sole cocente del Texas guardando le band e mentre un giorno come questo avrebbe potuto facilmente lasciarmi cotto dal sole e stanco al momenti di suonare, è stato invece ispiratore ed estasiante, saziato da grande musica ed ancora affamato di fare la mia. Ho avuto la rara opportunità di essere ancora ospite dei M5 per un set complete, facendomi strada attraverso I brani di McCaughey e quindi pronto a tuffarmi nell’ultimo nostro doppio spettacolo. I Baseball Project hanno fatto salire Mike Mills per cantare su "Jackie's Lament" e globalmente abbiamo suonato il nostro miglior show del festival. E poi io ed i Miracle 3 abbiamo fatto lo stesso, taglienti, giocosi, improvvisati e precisi nei punti giusti. Enrico (Gabrielli) dei Calibro 35 (sorprendente band Italiana-ascoltateli!) è salito ed ha suonato il sax su "Resolution" e per un momento siamo stati gli Stooges che jammano con i Roxy Music. Spero che questo show appaia su YouTube.

E poi abbiamo usato tutta l’energia rimasta per rintracciare un ristorante messicano che potesse contenere il nostro entourage di 15 persone dove abbiamo celebrato con mole, guac, margaritas, chili verde ed altro, male per le pacche sulla schiena che ci siamo dati a vicenda dopo la nostra maratona. E adesso? I BBP sono nel nostro grande forgone grigio sulla strada per Phoenix dove suoneremo martedì dopo due giorni di riposos veramente encessari. Per adesso la musica è ferma (beh, a parte Bonnie "Prince" Billy nelle mie cuffie) ma il cibo, gli aneddoti e le foto continueranno. E voi sapete dove andare per trovare il tutto.

1