STEVE WYNN ITALIA

Steve Wynn Italian Fansite

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Diary 2011-03-14 - Driving To New Orleans

2011-03-14 - Driving To New Orleans

march 12Ah, amo scrivere queste parole. Fra i molti entusiasmi che questa band condivide-il baseball, i dischi di Neil Young, puliti backstages, un margarita ben fatto, direi che una passione per New Orleans è in cima alla lista. Abbiamo avuto due settimane fantastiche lo scorso anno durante il Jazz festival mentre i REM stavano registrando il loro ultimo album e Linda ed io ci immergevamo nel Jazz Fest. Furono due settimane incredibili e mentre questa volta avremo solo poco più di 48 ore (con una breve deviazione a Baton Rouge), cercheremo di fare il più possibile. E quando dico "cercheremo di sfruttare al  massimo" il nostro tempo là intendo che il cibo sarà mangiato, la musica sarà suonata, le strade saranno esplorate, l’orologio sarà ignorato, ed ovviamente, voi sentirete tutte le news adatte ad essere stampate.
Il nostro percorso attraverso la Georgia (qualche riferimento a Margaret Mitchell o almeno Ross McElwee potrebbe venire in mente se la suddetta mente non sarà ridotta in pappa dalla lungo viaggio in furgone di oggi) è terminato la scorsa notte al 40 Watt di Athens. Scott, Peter ed io abbiamo suonato qualche brano alla Wuxtry Records, dove Peter ha lavorato, anche dopo che esistevano già i REM e stavano scalando le classifiche di Billboard. Potete vedere il mini-show su YouTube, con noi tre alla chitarra acustica, banjo e mandolino. Abbiamo suonato una versione media di "Take Me Out The Ballgame". Penso che maglie di flanella a righe e i baffi impomatati avrebbero potuto completare l'effetto. E bicchieri color seppia.

march 14Anche questi sarebbero stati carini. E poi c'è stato il concerto. Ancora una volta, Mike ci ha raggiunto alle tastiere e tutti abbiamo convenuto che ci siamo sentiti più liberi, più comodi e più in grado di essere impertinenti e giocosi con i brani nel nostro secondo spettacolo del tour. Ora che ci troviamo con tre album (compreso “Broadside Ballads", una  collezione di canzoni ESPN e tracce non incluse negli LP, edita per ora “solo per il tour”, che stiamo vendendo agli show), tra cui scegliere, siamo in grado di variare la scaletta ogni sera. Penso che ieri sera abbiamo suonato sei o sette canzoni che non avevamo suonato ad Atlanta. Ho la sensazione che gli spettacoli cambieranno molto da una sera all’altra.Due spettacoli dall’inizio del tour ed anche il primo lungo viaggio in furgone (ce ne ssaranno molti a venire, è certo). E la nostra destinazione immediata è il pad che appartiene ai nostri amici Joe e Jen, dove ho sentito ci sarà una bollitura di aragoste che ci aspetta. Questi sono i tipi di cose che ti mantiene sulla strada principale, assicurando che le interruzioni di gas siano brevi e le miglia scorrano via. Forse Fats Domino è stato felice di camminare a piedi a New Orleans, ma noi ci stiamo mantenendo al limite di velocità e polverizziamo miglia.