STEVE WYNN ITALIA

Steve Wynn Italian Fansite

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Diary 2012-04-29 - Our Work Here is Done

2012-04-29 - Our Work Here is Done

20120429e20120429a20120429bBene, è così. Il Dig It Up festival è finito. Tutte le band sono partite in direzioni diverse. Alcune sono ancora in tour. Gli Hoodoo Gurus, Redd Kross ed i Fleshtones hanno suonato a Perth ieri sera. night. Ma Linda ed io siamo rimasti, come coloni testardi, saldamente fermi qui nella nostra nuova terra come i coloni nel passato. Ci siamo spostati dai tour per suonare a quelli per visitare i luoghi. O almeno così penso.  Nel nostro più umile e sincero tentative di essere gente del posto per un giorno, siamo appena tornati dal Queen Victoria Market (uno dei migliori mercati all’aperto che abbia mai visto) con carne di canguro, spinaci, funghi, vari formaggi e pane, per passare al vino che abbiamo comprato nella spedizione con Dave Faulkner (lo chiamano Uncle Faulkie ed in effetti è stato un abile patriarca quel giorno) la scorsa settimana. È domenica ed è tempo per un pranzo cucinato. Vedete? “casa”. In effetti viviamo qui. Almeno fino a domani mattina.

20120429c

20120429dI nostril fantastici promoter ci hanno sistemato in questo appartamento in Flinders Street a Melbourne ed abbiamo un lettore cd (ci sono gli Husker Du playing in questo momento) ed una cucina. Stavamo scherzando con i Fleshtones sul fatto che le stanze erano più grando di molti appartamenti di New York. Ma non stavamo scherzando. Quindi, è una buona occasione per fare un pisolino prima di uscire per un’ultima notte nello stile locale con i nostril nuovi amici allo Ya-Ya, il fantastico club dove abbiamo suonato con i Fleshtones venerdì sera. Entrambe le band erano in piena forza quella sera (voglio dire, abbiamo avuto un giorno di riposo giovedì) ed il party migliorò verso sera, la barista Lorena ci ha fatto un trattamento con il suo cocktail chiamato Kick Out The Jams (cointreau, frangelica, amaretto, lime juice, ed altri ingredienti che non ricordo). Strana bevanda. Puoi continuare a berne e non rovinarti troppo. Solo felicità.

Cosa posso dire? Penso che abbiamo avuto una buona sintonia con i fans di qui che hanno aspettato pazientemente per 25 anni ho si sono uniti al party vista la loro grande distanza dai CD, dai vinili o dai video su youtube. Ho detto che il mio scopo principale (a parte incontrare gente e divertirmi) era di essere sicuro di aver suonato bene abbastanza da poter ritornare presto. Penso che succederà. Spero che succederà. Mi piace qui.

Alcune delle cose migliori degli ultimi giorni: 20120429e

  • Vedere quelli che chiamano "fairy penguins," tutti da 12 a 14 pollici, venire a riva sulle rocce a St. Kilda, guardare e rispondere ai turisti che erano venuti a vederli e gli fischiavano. Siete invitati a non fare foto con il flash perché hanno occhi molto sensibili.
  • The Fleshtones che scherzavano con gli spettatori con pezzetti dei loro storici brani come "Stop Fooling Around," "Hexbreaker" e "Shadow Line" prima di chiudere il loro set con Keith Streng a guidare la band in una incendiaria versione punk rock di “Communication Breakdown" nella quale è riuscito ad essere Robert Plant E Jimmy Page allo stesso tempo
  • Mangiare misteriosi ma deliziosi snack turchi con i Fleshtones Peter Zaremba, Bill Milhizer e il nostro tour manager Wally verso le 4 di mattina.
  • 20120429fSedere poche file dietro ad Uncle Faulkie, il nostro padrone di casa Dave Faulkner mentre ci guidava durante tutto il giorno, cantando assieme sulle canzoni dei Kinks (e scegliendo alcuni fantastiche colonne sonore per gli spostamenti, dai Television ai Rolling Stones)
  • Conoscere il cantante dei Died Pretty Ron Peno, un vero gentiluomo ed avere l’opportunità di vederlo guidare la sua band da solista attraverso un elegante set al Forum, appena giù in strada.

C’è altro. Sono sicuro che c’è altro. Ma c’è un festival rock chiamato Cherry Festival proprio fuori dalla nostra stanza di hotel e penso sia tempo di tornare nella corrente principale della vita di Melbourne. Viviamo qui dopo tutto.